Essere un Birdbrain non è poi così male

Si scopre che essere un birdbrain non è poi così male, almeno se il birdbrain appartiene a una delle tante specie di pappagalli. “I pappagalli condividono più o meno un intelletto pari a grandi scimmie e delfini”, dice l’etnologa e ricercatrice aviaria Irene Pepperberg, professore associato in visita al MIT (Massachusetts Institute of Technology), Cambridge. Doggone; se hai un pappagallo amazzone o grigio africano, puoi persino vantarti che il tuo uccello è più intelligente del cane o del gattino del tuo vicino. Un tempo, quando i ricercatori studiavano l’intelligenza degli uccelli, il pollo era l’uccello preferito – difficilmente candidati MENSA, è così che è iniziato il soprannome di birdbrain. Successivamente furono usati i piccioni e per tutto il tempo persino gli scienziati presumevano che i pappagalli imitassero semplicemente le parole, non comprendendo veramente il loro significato.

Pepperberg, che è cresciuta a Brooklyn con piccoli pappagallini (spesso chiamati parrocchetti) come suoi unici fratelli, pensava che se gli uccelli canori potessero fischiare più di 100 canzoni e usare canzoni diverse in contesti diversi, ci doveva essere almeno una certa comprensione del loro significato.

Nel 1973, stava per conseguire un dottorato in fisica chimica ad Harvard quando una serie di programmi TV Nova sull’intelletto animale catturò il suo interesse. Ha partecipato a tutti gli studi pubblicati sulla comunicazione animale e ne è rimasta affascinata.

Quando Pepperberg scrisse le sue prime proposte di sovvenzione per la ricerca sull’intelligenza degli uccelli, coloro il cui compito è rivedere tali aperture lo soprannominò Pepperberg un cervello di uccello. Pepperberg lo prese come un complimento e perseverò. Voleva un pappagallo grigio africano, probabilmente il più articolato e orientato al linguaggio di tutti i pappagalli. Ma ha scelto totalmente il suo grigio africano a caso con una visita nel 1977 a un negozio di animali di Chicago. A quel tempo, né Pepperberg né Alex, il pappagallo grigio africano, avevano idea che sarebbe diventato oggetto di più riviste scientifiche di qualsiasi altro uccello nella storia.

“Il problema con l’intelligenza degli africani grigi precedentemente studiati non era la loro intelligenza”, dice, “era l’intelligenza dei ricercatori”. La stragrande maggioranza delle ricerche con i pappagalli aveva precedentemente utilizzato il cibo per premiare i comportamenti corretti, una sorta di psicologia accettata dagli addestratori di cani. Invece Pepperberg adottò e perfezionò ulteriormente un metodo impiegato per la prima volta dall’etnologo tedesco Dietmar Todt, che chiamò la tecnica rivale modello dell’apprendimento. “È un metodo con cui gli esseri umani imparano la lingua, un grande potenziale per l’ascolto, per l’imitazione e per creare una sorta di interazione entusiasmante”, dice.

Invece di ripetere semplicemente la parola “bastone” o “uva” più e più volte, adnauseam, nella tecnica rivale modello di Pepperberg, due umani parlano con entusiasmo di un bastone o di un’uva. “Diventa una specie di competizione e, dopo l’osservazione, l’interesse dell’uccello raggiunge il picco”, afferma Pepperberg. Quando l’uccello dice la parola “bastone” o “uva”, la ricompensa è l’oggetto di cui si parla – in questo caso un bastone o un’uva – non un cracker o qualcosa di irrilevante per la conversazione.

Alex se ne accorse immediatamente. Nel 1981, Alex poteva identificare gli oggetti per nome, forma e colore, con una precisione media dell’80% in più di 200 test. Pepperberg ha pubblicato “Functional Vocalizations by an Africa Grey Parrot”, il primo di molti articoli scientifici a presentare Alex.

Oggi, Alex ha 23 anni, una mezza età per un africano grigio con una durata di vita tipica di 45-50 anni. Oggi, Alex può distinguere sette colori e cinque forme. Comprende varie trame e può distinguere 50 oggetti.

Se Alex dice che vuole un’uva, non cercare di dargli il mais; griderà: “No!” E se Alex è dell’umore giusto per qualcosa, non è timido nel richiederlo, “Voglio una doccia” o “Voglio un dado”, chiede.

Può anche contare, chiedi “Quante chiavi?” La sua risposta è chiara. “Cinque.”

Sullo stesso palato ci sono tre bastoncini, e conterà anche quelli, distinguendoli dalle chiavi. Se vuoi, ti dirà anche quali bacchette o chiavi sono più grandi o più piccole.

Insegna ad Alex qualcosa di nuovo e generalmente segnerà meglio che ripetere le stesse vecchie cose. L’implicazione è che ormai Alex si è stufato del banale conteggio delle chiavi e preferisce lezioni impegnative. Questa è una delle ragioni per cui Pepperberg e i suoi studenti stanno ora lavorando con un altro Griffin di 4 anni e mezzo di African Grey.

Mentre Pepperberg, che è anche professore associato presso l’Università dell’Arizona – Tucson, evita di chiamare il linguaggio dei talenti di Alex, aggiunge: “Questi non sono trucchi, come insegnare a un cane a fare trucchi, e poi il cane si esibisce per i dolcetti. C’è un processo di pensiero chiaro, una comunicazione chiara. Inoltre, i pappagalli hanno un’abilità che scimpanzé e delfini non hanno: possono dirci cosa stanno pensando. “

Ma sta andando troppo lontano? Difficilmente, secondo Phoebe Linden, allevatrice e analista comportamentale di Santa Barbara, in California, da 15 anni. Linden sta anche studiando le capacità intellettuali di questi uccelli, ma sta imparando che questi uccelli hanno più di una semplice intelligenza. Per prima cosa, hanno il senso dell’umorismo. Josser Lynn è uno dei suoi cacatua. Linden dice: “Questo uccello è un adulto e sa dove può e dove non può andare. Un giorno, quando non c’era nessuno in giro, decise di andare in un posto che non le era permesso. Estrasse con cura la patente di mio marito dal portafoglio e altrettanto accuratamente gli masticò la faccia. Gli uccelli vedono molto bene; ha deliberatamente masticato il viso. Quando sono entrato nella stanza, aveva la patente nel becco e rideva istericamente “. Linden, dice, sa anche di alcuni uccelli che chiedono i loro programmi TV preferiti, tra cui “The Three Stooges”.

“Adorano quell’umorismo slapstick”, dice.

Linden dice anche che i pappagalli sono empatici. Herman era un Ara dalle ali verdi molto malato. “Stavo piangendo, solo un disastro”, dice Linden. “Molto preoccupato, continuavo a ripetere a Herman, ‘Stai bene?'”

Herman si è ripresa, ma da quando Linden si preoccupa o si arrabbia, Herman chiede: “Stai bene?” Un giorno una squadra di costruzione è arrivata alle 6:30 per rifare il vialetto, diverse ore prima del previsto. Herman, intuendo che queste persone non appartengono, iniziò a urlare. Linden si precipitò giù per le scale in camicia da notte, “Che succede?” chiese l’uccello. Linden, vedendo che erano gli operai edili, rispose: “Stiamo facendo rifare il vialetto”.

Herman chiese: “Dov’è Harry?” Harry è il marito di Linden.

Disse all’uccello “Harry è di sopra”. Ancora preoccupato, Herman chiese: “Stai bene?” Quando Linden rispose: “Sì”, Herman tornò a dormire.

Puoi avere una conversazione reale con un uccello? “Certo, li ho sempre”, risponde il comportamentista aviario Chris Davis, di Channahow, Illinois. “Stiamo cominciando solo ora a capire quanto siano profondi questi uccelli. In cattività, tanti uccelli non hanno scintille, non accadono abbastanza cose interessanti e di conseguenza gli uccelli sviluppano problemi di comportamento o addirittura si ammalano gravemente, tutto perché sono annoiati. Questo è quanto sono intelligenti. “

Pepperberg sta inviando studenti in Africa occidentale per studiare questi uccelli in natura. “I pappagalli stanno diventando sempre più popolari come animali domestici, ma non sappiamo praticamente nulla di loro”, afferma Pepperberg. Per alcune specie, potremmo non avere molto tempo per imparare, a causa del bracconaggio e della distruzione dell’habitat, stanno scomparendo e scomparendo rapidamente.

Certamente, il lavoro di Pepperberg colpisce ogni proprietario di uccelli. I dollari del governo per tali progetti stanno diminuendo. Se puoi aiutare, invia un assegno alla Alex Foundation, c / o Spencer Lynn, Department of Ecology, University of Arizona, Tucson, AR, 85721.

Essere un Birdbrain non è poi così maleultima modifica: 2021-04-16T09:51:14+02:00da dcicala
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento